fbpx
tessuti per bandiere

Tessuti per bandiere: come stamparli e rifinirli online?

Il poliestere nautico, detto anche tessuto flag, è considerato il re dei tessuti per bandiere personalizzate utilizzabili sia in interno che in esterno per promuovere la propria attività.

Viene scelto largamente dalle aziende rispetto ad altri tessuti per bandiere come il raso o la stamina di poliestere per via delle sue caratteristiche come:

  • La resistenza agli agenti atmosferici
  • La possibilità di essere lavata in lavatrice
  • L’ottima resa di stampa e la stabilità dei colori.  

Essendo un tessuto per bandiere di trama a nodo largo, il tessuto flag permette alla bandiera di asciugarsi in tempi ridotti rispetto ad altri materiali per cui può essere lavata senza il rischio che si rovini nel caso in cui venisse esposta per tempi prolungati su strade altamente trafficate.

Inoltre, questa caratteristica della stoffa, unita alla sua resistenza, permette l’esposizione in esterno anche in zone di montagna o in cui sono frequenti le precipitazioni.

Dopo aver presentato sinteticamente le caratteristiche principali di questa stoffa per bandiere personalizzate, nel resto dell’articolo vedremo come viene stampato e venduto sul nostro store online il tessuto al metro quadro e quali sono i passaggi per trasformare il tessuto in una bandiera da utilizzare nella propria comunicazione.

Come stampare il tessuto bandiera?

Il tessuto tipico per bandiere, ovvero il poliestere nautico, si stampa mediante la stampa sublimatica che permette di ottenere una resa brillante dei colori.

Nella stampa in sublimazione, si crea una pellicola di inchiostro che a contatto con il calore dei macchinari si trasforma in gas. In questo modo Il colore, in stato gassoso, penetra con facilità tra i tessuti e riesce a imprimersi senza far perdere la morbidezza alla stoffa.

Noi di Printangers utilizziamo plotter a getto d’inchiostro per realizzare la stampa di bandiere personalizzate di qualsiasi larghezza o altezza, unendo dove necessario anche più lembi di tessuto tra loro.

Per offrire una buona resa di stampa e durabilità nel tempo impieghiamo un tessuto 100% poliestere con peso di 110gr/m² certificato Flame Retardant Classe B1, ovvero una certificazione che attesta che il tessuto per bandiera è ignifugo e può essere utilizzato anche in luoghi dove vi è la possibilità che si verifichi un incendio.

Poliestere nautico al metro quadro: come trasformarlo in una bandiera?

Il poliestere nautico è un tipo di tessuto acquistabile al metro quadro nella sezione dedicata alla stampa sublimatica su tessuto sul nostro sito, dove è possibile ordinare nelle dimensioni desiderate i principali tessuti impiegati nella comunicazione visiva.

Come abbiamo sottolineato in apertura, il tessuto poliestere nautico è utilizzato prevalentemente per la creazione di bandiere pubblicitarie di diverso tipo (per pennoni, con struttura, stendardi). Ma come si “trasforma” il tessuto grezzo stampato in sublimazione in uno strumento di comunicazione?

In questo passaggio fondamentale, entrano in gioco le così dette finiture perimetrali ovvero tutte quelle lavorazioni che permettono di ottenere una bandiera partendo dal tessuto in poliestere nautico.

Le finiture perimetrali hanno un ruolo chiave nel processo produttivo di una bandiera perché se non sono eseguite correttamente la bandiera si potrebbe strappare o sganciare dal pennone.

Noi offriamo sette possibilità di finiture perimetrali che potrai scegliere direttamente dal configuratore della pagina stampa sublimatica su poliestere nautico bandiera.

Ognuna di esse è applicabile sui quattro lati della bandiera ed è combinabile con le altre per ottenere il prodotto finito, esattamente come lo desideri.

Puoi scegliere di rifinire il tuo tessuto nautico per bandiere con le seguenti lavorazioni:

  • Taglio al vivo
  • Asola
  • Laccetti più rinforzo
  • Moschettoni più rinforzo
  • Occhielli più rinforzo
  • Orlo
  • Velcro

Temi di non sapere quale lavorazione applicare per creare la tua bandiera? Contattaci, ti forniremo gratuitamente una consulenza prevendita al fine di concludere con successo il tuo acquisto.

Cosa vuol dire taglio al vivo?

Il taglio al vivo è la lavorazione più semplice che può essere applicata al tessuto per bandiere. Si tratta infatti di una non lavorazione poiché il taglio al vivo non prevede asole o cuciture per fissare la bandiera al suo supporto. Senza dubbio è l’opzione più conveniente, ma anche meno utilizzata dato che non assicura un buon fissaggio del tessuto bandiera al supporto, che sia esso un pennone o una struttura.

Tessuti per bandiere: l’importanza dell’asola

Se si vuole evitare che la bandiera si sfili dall’asta e assicurare dunque una maggiore stabilità e resistenza a questo strumento di comunicazione, è fondamentale creare un’asola, ovvero una sorta di tasca in cui inserire l’asta. L’asola può essere cucita alla struttura oppure essere usata per far passare il velcro e serve per far passare internamente l’asta della bandiera, indipendentemente dal materiale in cui è realizzata. Questa lavorazione può essere applicata congiuntamente ad altre finiture perimetrali come laccetti o moschettoni.

Come usare i laccetti e i moschettoni per il fissaggio della bandiera?

Laccetti e moschettoni dotati di rinforzo sono delle finiture perimetrali che permettono di fissare ulteriormente la bandiera all’asta e sono consigliati in caso di esposizione all’esterno in zone particolarmente ventose. Spesso vengono applicati sul lato destro o sinistro della bandiera, ovvero quello a contatto lateralmente con l’asta, per rafforzare il fissaggio della cucitura superiore.

Perché usare gli occhielli come finitura perimetrale?

Gli occhielli sono una finitura perimetrale che costituisce una valida alternativa all’asola. Si può scegliere questa lavorazione sia per il lato superiore che per il lato a contatto con la struttura per fissare il tessuto per bandiera al supporto, se si vuole dare un effetto più dinamico alla propria bandiera. Questa soluzione viene scelta particolarmente per creare le bandiere da esterno delle concessionarie d’auto.

Orlo o velcro: quale scegliere per completare la tua bandiera?

Dopo aver scelto le lavorazioni da applicare ai lati a contatto con l’asta, non ti resta che decidere le rifiniture per il lato inferiore e il lato esterno. Solitamente in questi casi la scelta può ricadere su orlo o velcro. Nel caso dell’orlo vengono cuciti a macchina i due lembi di tessuto ottenuti con il taglio al vivo, mentre se si opta per il velcro il tessuto non è cucito, ma tenuto insieme dal sistema a velcro. Per una maggiore resistenza, soprattutto in caso di esposizione in esterno, è raccomandato l’orlo dei lati non a contatto con l’asta.

Iscriviti alla nostra newsletter
Basta un click per rimanere aggiornato sulle novità di Printangers e ricevere contenuti esclusivi direttamente nella tua mail.